Il Progetto

Il progetto PIemuNt chèINa (PININ) mira a incrementare la qualità e la percezione della stessa dei prodotti agro-alimentari Piemontesi di fascia alta, introducendo tecnologie per la tracciabilità e autenticazione dei prodotti agroalimentari, per l’innovazione nella commercializzazione di prodotti della filiera alimentare e per la protezione dei diritti di proprietà intellettuale dei marchi agro-alimentari Piemontesi di qualità tramite l’individuazione di falsi e truffe.

Le tecnologie innovative portanti del progetto, Blockchain, Intelligenza Artificiale e Big Data, IoT, Realtà Aumentata, ma anche il Geoweb e i Processi di Business, permetteranno contemporaneamente di creare un sistema innovativo di tracciatura dei prodotti alimentari lungo tutta la filiera, dalle materie prime al consumatore, e di introdurre servizi innovativi per il consumatore. L’obiettivo è anche quello di evitare gli sprechi in un’ottica di economia circolare, facilitando la gestione dei prodotti in scadenza, promuovendo i prodotti a KM0 e introducendo controlli nella catena alimentare per certificare la sostenibilità tramite piattaforme tecnologiche.

Il progetto si colloca nell’ambito “Made in Piemonte” della strategia S3 di Regione Piemonte, nell’ambito agroalimentare, con un’attenzione particolare all’utilizzo razionale ed integrale delle risorse biologiche (Bioeconomia) per quel che riguarda lo spreco di prodotti alimentari, con un approccio interdisciplinare che mette insieme aziende ICT con aziende di produzione e distribuzione, e volto allo sviluppo di tecnologie non solo nei rispettivi comparti ma come risultato della loro simbiosi, finalizzata alla creazione di ecosistemi produttivicircolari” sul territorio regionale.

I sistemi di raccolta automatizzata dei dati di tracciabilità attualmente adottati dalle aziende agroalimentari sono stati per lo più concepiti per la tracciabilità interna delle singole aziende, e risultano scarsamente condivisi e disomogenei sia relativamente alla tecnologia utilizzata che alla tipologia del dato trattato, per cui si verifica il moltiplicarsi di diverse applicazioni (app, siti web, database privati e istituzionali) che penalizzano l’efficienza di filiera, la precisione del dato tracciato e l’esperienza del singolo utente costretto ad utilizzare diverse app o siti e copiare il codice del lotto del prodotto. Infine la centralizzazione del sistema di tracciabilità su singole aziende mina la fiducia del consumatore.

Il progetto PININ mira a costruire un’infrastruttura distribuita e decentralizzata basata su Blockchain che permetta una tracciabilità a livello di lotto e che sia scalabile lungo tutta la filiera. La stessa tecnologia Blockchain permetterà anche la tracciabilità dell’utilizzo dei fondi Europei per l’allevamento per quel che riguarda il bestiame nei pascoli alpini.

SCOPRI LE ULTIME NOTIZIE

Rimani sempre aggiornato sulle nostre iniziative