Agrifood: in Piemonte un progetto per il tracciamento del bestiame con la blockchain

Grazie al progetto Pinin, finanziato dal POR FESR 2014-2020 – Piattaforma Bioeconomia Regione Piemonte e con la partecipazione del CSI Piemonte, dell’Università di Torino e di altri tredici partner con capofila Consoft Sistemi

Al giorno d’oggi lo sviluppo delle imprese italiane che operano nell’agroalimentare è sempre più legato alla capacità di innovare con il digitale. In particolare, a tali imprese si richiede non solo attenzione alla competitività o alle nuove esigenze dei consumatori, ma anche un ripensamento generale dei modelli di produzione che tenga conto di nuovi temi come la trasparenza e la sostenibilità ambientale. Obiettivi che, tuttavia, sono difficilmente conseguibili con i mezzi tradizionali. Nell’ottica di accelerare tale processo di innovazione nasce il progetto PIemuNt chèINa (Pinin), che mira a costruire un’infrastruttura distribuita e decentralizzata al servizio del territorio basata su blockchain per la tracciabilità e autenticazione dei prodotti agroalimentari, con il tracciamento del bestiame tramite blockchain, istituendo un ecosistema di filiera.

clicca qui per l’articolo completo